9010 per Floralism

  • Storie
1102

Il 9 – 10 e 11 Ottobre 2020 nel cuore di Roma presso Portuense 201 si è tenuto un festival dedicato alla valenza organica e simbolica del fiore.

FLORALISM nasce nel 2020 e sarà un appuntamento fisso annuale romano, per edificare un progetto per e con la città: riconoscibile come luogo di moltiplicazione di progetti creativi collettivi che crescerà nelle prossime edizioni. Ideato da Copihue Floral Studio, studio di Floral Design con una visione sperimentale del fiore, in co-produzione con Donna Sangiorgio, cuore pulsante di Italian Felicity, un contenitore fluido per l’organizzazione di eventi e in partnership con Manuela Tognoli, curatrice di Label201 e di Portuense201. Un gruppo di imprenditrici, che ha connotato la crisi come opportunità di crescita, per marcare nuovi sentieri culturali e di rigenerazione.

9010, in partnership con il designer Paolo d’Arrigo ha proposto alcune delle opere da lui disegnate per il Catalogo Outdoor 2020. Hanno trovato il loro ambiente naturale il paletto da esterni in BETALY “MINU’” di Alberto Ghirardello, product designer vicentino con studio a MIlano; segnapasso in BETALY “SER”, il paletto da esterno in BETALY “COBRA” e il paletto da esterno in BETALY “DOUBLE”, tutte e tre opere del tri vincitore ADI Design Index, Paolo d’Arrigo, designer che vive il progetto come un’alchimia di natura e hi-tech dove la forma è l’esito di un processo che si misura con i vincoli della materia e li spinge oltre.

La collaborazione con 9010 ha preso come ispirazione la natura e le sue forme, in una serie di creazioni uniche e riconoscibili, dalle forme sinuose ed iconiche, che risaltano la luce LED 9010 e sono capaci di illuminare con stile ogni ambiente. Inseriti nelle esposizioni di floral design create da artisti emergenti, i prodotti 9010 in BETALY sono un piacere per gli occhi, grazie ai loro colori biomimetici e all’integrazione con l’elemento organico.

Partecipare a questa prima edizione di un riuscitissimo festival è stato per 9010 un piacere e una soddisfazione, che speriamo possa ripetersi in futuro.